vi spiego come sono arrivato ad avere questa mia passione per la tornitura del legno.
Partiamo dall’inizio: quando avevo 13 anni ho svolto come mio primo lavoro il mestiere del boscaiolo, ero molto giovane ed il legno mi è entrato nel cuore.
Ho sempre maneggiato il legno per semplice passione ed anche per lavoro e mi ha sempre affascinato osservare gli alberi. Cercavo di capire in che modo l’albero avesse vissuto e che fatiche avesse dovuto compiere per diventare grande. Non tutti gli alberi se la passano bene, ci sono quelli che attorno a se non hanno nessuno ed invece ce ne sono altri che crescono tra sterpaglie, pendii e fossati.
Ho sempre fatto fatica nell’abbattimento di un albero in quanto sono esseri stupendi.
Le mie pause pranzo avvenivano sempre ai piedi di un albero, mangiavo un panino con la schiena poggiata sul tronco e pensavo a tante cose, ad esempio “chissà quanti anni ha questo albero…”, “chissà quante persone ha conosciuto prima di me”, alla fine di tutti questi pensieri mi ponevo sempre la solita domanda “chi sono io per decidere della sorte di quest’albero?”.
Quando ho un pezzo di legno tra le mani dentro di me c’è sempre la voglia di modellarlo di modo che diventi un oggetto che possa vivere nel tempo e raccontare ancora.
Qualche tempo fa ho visto alcuni video su youtube che facevano vedere dove dei ragazzi con un tornio (per tornitura del legno) creavano oggetti da esposizione, ad esempio porta candele, vasi, ciotole, ecc.
Da quel momento ho pensato che potevo abbracciare anch’io questa passione della tornitura del legno. Utilizzando queste tecniche potevo anch’io avere all’interno della mia abitazione questo legno che fin dalla tenere età mi ha cosi affascinato.
Mi capita spesso di frequentare dei gruppi dove si argomenta sulle più disparate tecniche della tornitura del legno e mi rendo conto che molti tornitori sono focalizzati sulla riuscita di un oggetto perfetto da poter ammirare, a mio avviso non è importante che tipo di tornio si abbia e che strumentazione si usa, l’importante è poter far nascere qualcosa che ti piaccia.
Un giorno spero anch’io di diventare bravo in quest’arte riuscendo a valorizzare il più possibile questo pezzo di legno per fargli onore.

Per concludere, provate a passare la mano sul vostro pezzo di legno e provate a sentire la serenità che sprigiona, vi renderete conto che ha ancora molto da dare.